• Analisi di Combustione

    Creato il 12/04/2012 da Staff ImpiantiTermiciTorino.it

    Normative


    Analisi Combustione

     

    L’Analisi di Combustione deve essere eseguita secondo le prescrizioni tecniche della normativa UNI 10389.

    Il prelievo dei prodotti della combustione e la misurazione della temperatura degli stessi devono essere eseguiti in corrispondenza di un apposito foro passante nel condotto di evacuazione dei prodotti della combustione.

    Si devono effettuare 3 distinti prelievi per la durata di almeno 120 secondi ognuno.

    Questi i parametri da rilevare durante il prelievo:

    1 – Temperatura aria comburente (in °C.)

    2 – Temperatura dei prodotti della combustione (in °C.)

    3 – Concentrazione di (O) Ossigeno (in %) oppure di (CO2) Anidride Carbonica (in %)

    4 – Concentrazione di (CO) Ossido di Carbonio (in ppm ovvero parti per milione)

    5 – Indice di fumosità (solo per combustibili liquidi)

    6 – Verifica della Potenza Termica del focolare

    Il valore misurato di ogni singolo parametro è ottenuto dalla media aritmetica delle prime tre misurazioni significative.

    Il calcolo del Rendimento di Combustione viene effettuato secondo una precisa formula applicata ai parametri rilevati.

    I principali parametri per dare esito positivo alla prova sono:

    1 – Che il rendimento di combustione calcolato non sia inferiore al minimo richiesto (DL 311/2006, DL 192/2005, DPR 660/1996, DPR 412/1993) ovvero:

    Caldaie ad acqua calda (esempio con 24 kW di potenza utile)
    84,8 % caldaie installate prima del 29/10/1993
    86,8 % caldaie installate dopo il 29/10/1993 e fino al 31/12/1997
    86,8 % caldaie standard installate dopo il 01/01/1998 e fino al 07/10/2005
    89,6 % caldaie a bassa temperatura installate dal 1998 e fino al 07/10/2005
    92,4 % caldaie a condensazione installate dal 1998 e fino al 07/10/2005
    91,8 % tutte le caldaie installate dal 08/10/2005

    Generatori ad aria calda (esempio con 30 kW di potenza utile)
    80,0 % generatori installati prima del 29/10/1993
    83,0 % generatori installati dopo del 29/10/1993

    2 – Che la concentrazione di CO (Ossido di Carbonio) alla condizione di fumi secchi e senz’aria non sia superiore a 1000 ppm.

    3 – Che l’indice di fumisità (solo su Generatori a combustibile liquido) non superi
    l’indice 2 della scala di Bacharach per i generatori a gasolio
    l’indice 6 della scala di Bacharach per i generatori a olio combustibile

    Al termine delle verifiche, il tecnico dovrà rilasciare un Rapporto completo (vedi Allegato F e Allegato G) e preciso sulle operazioni eseguite e sull’esito delle stesse.

    Dovrà inoltre compilare le schede relative alle verifiche di combustione e agli interventi di manutenzione presenti nel Libretto di Impianto o nel Libretto di Centrale.

     

    Condividi questa pagina!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
Articolo taggato con: - -


Ti richiamiamo noi GRATIS
Qualità Italiana al Tuo Servizio